#FIDUCIA SU COME VOTARE

2 definizioni: 

A) Fiducia

fi·dù·cia/ sostantivo femminile 
Attribuzione di potenzialità conformi ai propri desideri, sostanzialmente motivata da una vera o presunta affinità elettiva o da uno sperimentato margine di garanzia: aver f. in una persona, nel progresso, nelle proprie forze; ispirare f.
 
B) Democrazia 
de·mo·cra·zì·a/  sostantivo femminile
Forma di governo in cui il potere viene esercitato dal popolo, tramite rappresentanti liberamente eletti ( d. indiretta o rappresentativa ).
 
Personalmente, non ho chiesto a nessuno di quelli che sono seduti in parlamento di rappresentarmi.
 
Ed in loro non ho alcuna fiducia.
 
E ciò che era venuto fuori dalle elezioni, ha avuto una specie di “mutazione”…. per incapacità, interessi, e vai a sapere cosa.
Oggi siamo rappresentati da persone che o sono troppo arrabbiate o troppo “interessate” o “impegolate” per cui sicuramente non abbiamo molte speranze.
 
Ma ciò che mi lascia più perplesso  che è una politica “al contrario”
Mi spiego: un leader, un partito, un movimento ha un’idea. Il popolo la valuta e decide se seguirla o meno
In Italia è esattamente il contrario: il popolo vuole cambiare, dice cosa non va, e il politico, il partito o il movimento dicono che vogliono farla…si adeguano alle richieste del popolo. 
 
Beh…non è il massimo. I cosiddetti “rappresentanti” dovrebbero avere una linea precisa, progetti, idee….diverse gli uni dagli altri.
Invece qui, con scopi non esattamente nobili, si va dietro al sondaggio più promettente per ottenere l’anelata poltrona. Pochi…troppo pochi pensano con la loro testa… La dimostrazione che, a differenza di ormai troppi anni fa, non c’è nessuno che va #controcorrente… la scelta è e rimarrà sempre la menopeggio.
 
Si parla, ovviamente, di #maggioranza in parlamento… A colpi di #fiducia ormai gli altri, in questa legislatura, è come non ci fossero.  
…protestare sta diventando inutile….
 
La tristezza assoluta in un paese che potrebbe fare molto…ma non si impegna.